CHE COS’E’ IL LAVORO OMBRA CON I TAROCCHI?

 

Conosci Carl Jung? Era il mio preferito quando studiavo Psicologia (sono stata iscritta anche a questa facoltà – poi ho capito che le erbe erano la mia strada!). Me lo immaginavo come un signore saggio, barbuto, nel suo studio con il camino scoppiettante e con le monete dell’I Ching sulla scrivania.
Quando ero all’università consultavo spesso l’I Ching: lì ho scoperto il principio della sincronicità, ovvero, tutto quello che accade non accade per caso & molto spesso la magia avviene anche senza che tu te ne accorga.
Jung racconta  un suo sogno, molto semplice e allo stesso tempo evocativo: si trovava lungo un sentiero, a camminare controvento, con in mano una lanterna ad illuminare la strada. Sapeva che alle sue spalle lo seguiva la sua Ombra, la parte oscura, sconosciuta, selvaggia.
Volendo leggere questo sogno con le carte dei Tarocchi, la prima che viene subito in mente è l’Eremita: con la sua lanterna illumina i passi del suo cammino, facendo luce su tutto quello che non conosce, che ancora è misterioso. Che cosa tiene accesa la lanterna? Forse una stella? Oppure è la luce del suo intuito, la ragione della ricerca stessa?
L’ombra che segue Jung potrebbe essere il Diavolo, la sua parte ancestrale, pericolosa, inconscia ma anche vitale e senza schemi. Oppure, potremmo associare all’ombra la carta della Luna, che è simbolo di qualcosa ancora non chiaro, incerto, irrazionale.
E’ interessante notare che la vita di Jung fu poi magistralmente riassunta in questo suo sogno: con il suo lavoro ha fatto luce su molte dinamiche interne, legate all’inconscio ed al sogno.
Il lavoro Ombra, chiamato anche dream work o shadow work, è dunque tutto quel lavoro creativo, intuitivo e magico che puoi fare sui tuoi sogni, e non solo, grazie ai Tarocchi. E’ un processo utile ad esplorare la propria parte inconscia, la profondità individuale, per integrarla nella vita di ogni giorno, per accettarla e per imparare ad usare le risorse che può offrirti.
E’ utile quando:
  • riconosci in te stessa comportamenti che vuoi cambiare, ripetitivi e non costruttivi
  • vuoi combattere brutte abitudini, oppure lavorare su qualche tua forma di dipendenza
  • se non ricordi i tuoi sogni, e hai bisogno di sbloccarti a livello intuitivo
  • se ricordi i tuoi sogni, e vuoi saperne di più sui loro messaggi
  • se vuoi sviluppare il tuo potenziale creativo, attraverso figure, immagini, archetipi
ed in tutti gli altri casi in cui senti il bisogno di lavorare con i tuoi aspetti più intimi.
Capire che rapporto c’è tra i simboli del sogno e la vita di ogni giorno aiuta ad avere una piena consapevolezza su ciò che ti sta accadendo; come nel simbolo dello yin e dello yang, nella luce c’è sempre una parte di oscurità e viceversa – solo grazie all’integrazione  di questi due aspetti è possibile trovare il vero equilibrio.
Il lavoro Ombra prevede anche pennarelli, colla, ritagli, glitter, adesivi, e tutto quel (meraviglioso) materiale creativo che puoi usare per dare libero sfogo alla tua creatività. Nel lavoro Ombra spesso si tiene un Diario dove annotare sogni, sincronicità, intuizioni…
Prova ad analizzare qualche sogno che hai fatto con i Tarocchi: chiediti chi incarna i personaggi del sogno, quali sono le ambientazioni o le forze in gioco. Poi vienimi a raccontare che cosa hai scoperto nei commenti!
E se ti interessa approfondire il discorso sul lavoro Ombra, il 18 Gennaio inizierà il laboratorio Sogni e Ombre, che conduco insieme a Francesca Matteoni: le iscrizioni sono aperte! Qui trovi il link dell’evento. Puoi iscriverti sulla bacheca oppure scrivendo alla mail cecilia.lattari@gmail.com

PERCHE’ NON SONO UNA CARTOMANTE (EPPURE LEGGO I TAROCCHI)

15171051_556008174609442_7038967646504164149_n

Inauguro questo nuovo blog con un discorso che mi sta molto a cuore: chiarire come mai io non sia una cartomante, eppure, allo stesso, tempo, io sia una che legge i Tarocchi.
Ci sono molti modi per leggere i Tarocchi, forse il più conosciuto è quello divinatorio: utilizzare le carte come uno strumento per conoscere il futuro, per sapere se vincerai alla lotteria oppure se sei incinta (per quello, consiglio sempre un test di gravidanza, molto più sicuro). C’è anche chi legge le carte per scorgere il futuro: chi promette di vedere che cosa accadrà, quali sono le possibilità in gioco, oppure chi fa letture particolareggiate su amore, lavoro, salute.
Il mio metodo di approccio ai Tarocchi è completamente diverso: io credo che le carte, i simboli ed i disegni che portano ci parlino, come se fossero un alfabeto speciale.
Siamo abituati a vivere in un mondo logico, razionale, dove lo spazio per l’intuito è davvero poco: spesso relegato alla notte, ai sogni, oppure a piccole sincronicità alle quali spesso non diamo molto peso.
I Tarocchi sono uno strumento fantastico per costringerti a pensare in un altro modo: non ci sono parole ma immagini, e quello che accade nella carta ogni volta è diverso, grazie alle associazioni ed alle posizioni i cui si trova la carta stessa.
Per questo i miei Tarocchi non portano male:in realtà, nessuna lettura di Tarocchi porta negatività o sfortune; anzi! Dopo una lettura con i Tarocchi io mi sento rinfrancata, come se avessi ricevuto un prezioso consiglio da un’amica fidata.
Mi hanno detto che i miei Tarocchi sono come segnali stradali lungo il percorso che stai attraversando: ti danno una direzione, segnalano i luoghi di interesse, e ti avvertono in caso di traffico, strade chiuse oppure ostacoli. Sono anche un pretesto per prendersi tempo per riflettere, immaginare, entrare in contatto con la tua parte interiore.
E le carte difficili? Cosa accade quando scopri una carta come la Torre, la Morte, l’Appeso, il Tre di Spade oppure il Dieci di Spade? In realtà, ogni carta è ambigua nel suo significato: la Morte nei Tarocchi non è mai una fine, l’Appeso ha la possibilità di vedere il mondo da un altro punto di vista, la Torre ti insegna a cadere.
La filosofia ermetica  ci insegna che “come sopra, così sotto”. Questo significa che la terra rispecchia il cielo, il divino è umano, e viceversa, e che il microcosmo rispecchia il macrocosmo.
Il mondo, la realtà per come la percepiamo, è uno specchio del nostro mondo interiore: se entri in contatto profondo con te stessa, e vedi la tua realtà chiaramente, ecco che le tue azioni diventano più determinate, più consapevoli, più chiare.
I Tarocchi ti aiutano ad entrare in contatto con la tua storia interiore, perchè sono in relazione con il tuo mondo interno, e con quello esterno.
La magia sta tutta nel riuscire a vedere bene la tua storia e le parti di cui è composta, per poterla trasformare e renderla straordinaria. Le carte ti illuminano, perchè contengono la luce dell’universo, che è la tua stessa luce!
Ecco perchè non sono una cartomante: non leggo il futuro, mi limito al presente. Il futuro è tutto nelle tue mani, e ti auguro che sia scintillante come l’anno che sta per arrivare!
Tu che cosa pensi delle letture di Tarocchi? Anche a te spaventano, o temi che possano dirti qualcosa riguardo al tuo futuro che non vuoi sapere? Dimmelo nei commenti!