RACKAM TAROT
intervista al mazzo

Rackam Tarot è il mazzo realizzato con i disegni di Arthur Rackam, illustratore dei primi del Novecento con uno stile inconfondibile, unico. Le sue illustrazioni tratteggiano il mondo di mezzo, popolato da fate e folletti, da bambini magici e da bambine che esplorano il mondo delle meraviglie (si, ha illustrato anche Peter Pan e Alice). Lo Scarabeo propone questo mazzo fatato, dalle atmosfere delicate e selvagge. Per conoscerlo meglio ho fatto la mia solita intervista al mazzo. Eccola qua

Qual è la tua caratteristica principale?

La carta estratta è l’Asso di Bastoni. Nella carta un grande albero domina il paesaggio lunare: sembra quasi che si stia muovendo, e le fate che sono disegnate alla destra del suo tronco lo guardano, in attesa. Tutto è possibile, dice questa carta: è la scintilla, l’azione, la magia. La caratteristica principale del mazzo è quindi la sua capacità di osare, di costruire un ponte tra realtà ed immaginazione. Il mazzo possiede questa scintilla magica, che ispira e muove all’azione.

Quali sono i tuoi punti di forza?

Il Re di Denari, un uomo gentile e generoso che è pronto a dare consigli. Questo è un mazzo che ha un’anima antica: il Re di Denari me lo immagino come un signore di una certa età, che ha raccolto molti frutti durante la sua vita e che ora sa come condividerli. E’ un mazzo che dispensa consigli con generosità: devo dire che ho riscontrato questa sua caratteristica nelle mie ultime letture – è davvero un mazzo che parla molto.Q

Quali sono i tuoi limiti?

La carta è la carta dell’Appeso (una delle mie rappresentzioni preferite di questo Arcano). Abbiamo una fatina che cammina su un filo di ragnatela; da un momento all’altro tutto può cambiare. Danza sotto alla luna, appesa ad un filo. La carta dell’Appeso è spesso relativa alla visione alternativa delle cose che ci accadono: osservare tutto da un punto di vista diverso, ottenere un nuovo sguardo sulle cose.

In questa posizione la carta può suggerirci che questo mazzo ci spinge ad accettare la visione delle cose ed i consigli che provengono dal mazzo; è un mazzo che può portare a piccole illuminazioni (come quelle che ha l’Appeso, nella iconografia classica rappresentato con un aureola di luce intorno alla testa) ma che può essere, a volte, portatore di messaggi sibillini, che provengono da un mondo a testa in giù.

Cosa puoi insegnarmi?

La carta è la Regina di Bastoni: carta che richiama l’Asso di Bastoni, il mazzo si rivela ancora come mazzo davvero speciale. La Regina di Bastoni è la Strega delle Regine: lei sa usare la sua magia, sa come ottenere i suoi obbiettivi, sa incantare e parla con i gatti. E’ una musa creativa. Il mazzo può insegnarci ad usare la nostra magia, senza paura!

Come posso collaborare al meglio con te?

La carta è il Due di Bastoni: resto nel mio mondo, nella mia comfort zone, oppure esco e mi addentro nell’avventura? Il mazzo ci chiede di abbandonare la nostra visione classica delle cose e di aprire gli occhi ad un altro mondo. Molto in linea con la carta dell’Appeso, questa carta in questa posizione ci dice che per collaborare al meglio con qusto mazzo dobbiamo accettare che c’è una visione diversa delle cose, una visione magica.

Cosa può venire fuori dalla nostra relazione?

Un Sette di Bastoni: la relazione con questo mazzo ci insegna a difendere ciò che siamo – e con ciò che siamo direi che si riferisca al nostro mondo immaginario, alla nostra fantasia. Rackam ci insegna a non dimenticare che esistono le fate, e che continueranno ad esistere finchè noi ci crederemo.

Il mazzo è composto da 78 carte, con le splendide illustrazioni di Arthur Rackam, senza bordo, misurano 65 x 111 mm. Puoi trovarlo in vendita in Italia sullo shop de Lo Scarabeo.