Privacy Policy

 

Conosci Carl Jung? Era il mio preferito quando studiavo Psicologia (sono stata iscritta anche a questa facoltà – poi ho capito che le erbe erano la mia strada!). Me lo immaginavo come un signore saggio, barbuto, nel suo studio con il camino scoppiettante e con le monete dell’I Ching sulla scrivania.
Quando ero all’università consultavo spesso l’I Ching: lì ho scoperto il principio della sincronicità, ovvero, tutto quello che accade non accade per caso & molto spesso la magia avviene anche senza che tu te ne accorga.
Jung racconta  un suo sogno, molto semplice e allo stesso tempo evocativo: si trovava lungo un sentiero, a camminare controvento, con in mano una lanterna ad illuminare la strada. Sapeva che alle sue spalle lo seguiva la sua Ombra, la parte oscura, sconosciuta, selvaggia.
Volendo leggere questo sogno con le carte dei Tarocchi, la prima che viene subito in mente è l’Eremita: con la sua lanterna illumina i passi del suo cammino, facendo luce su tutto quello che non conosce, che ancora è misterioso. Che cosa tiene accesa la lanterna? Forse una stella? Oppure è la luce del suo intuito, la ragione della ricerca stessa?
L’ombra che segue Jung potrebbe essere il Diavolo, la sua parte ancestrale, pericolosa, inconscia ma anche vitale e senza schemi. Oppure, potremmo associare all’ombra la carta della Luna, che è simbolo di qualcosa ancora non chiaro, incerto, irrazionale.
E’ interessante notare che la vita di Jung fu poi magistralmente riassunta in questo suo sogno: con il suo lavoro ha fatto luce su molte dinamiche interne, legate all’inconscio ed al sogno.
Il lavoro Ombra, chiamato anche dream work o shadow work, è dunque tutto quel lavoro creativo, intuitivo e magico che puoi fare sui tuoi sogni, e non solo, grazie ai Tarocchi. E’ un processo utile ad esplorare la propria parte inconscia, la profondità individuale, per integrarla nella vita di ogni giorno, per accettarla e per imparare ad usare le risorse che può offrirti.
E’ utile quando:
  • riconosci in te stessa comportamenti che vuoi cambiare, ripetitivi e non costruttivi
  • vuoi combattere brutte abitudini, oppure lavorare su qualche tua forma di dipendenza
  • se non ricordi i tuoi sogni, e hai bisogno di sbloccarti a livello intuitivo
  • se ricordi i tuoi sogni, e vuoi saperne di più sui loro messaggi
  • se vuoi sviluppare il tuo potenziale creativo, attraverso figure, immagini, archetipi
ed in tutti gli altri casi in cui senti il bisogno di lavorare con i tuoi aspetti più intimi.
Capire che rapporto c’è tra i simboli del sogno e la vita di ogni giorno aiuta ad avere una piena consapevolezza su ciò che ti sta accadendo; come nel simbolo dello yin e dello yang, nella luce c’è sempre una parte di oscurità e viceversa – solo grazie all’integrazione  di questi due aspetti è possibile trovare il vero equilibrio.
Il lavoro Ombra prevede anche pennarelli, colla, ritagli, glitter, adesivi, e tutto quel (meraviglioso) materiale creativo che puoi usare per dare libero sfogo alla tua creatività. Nel lavoro Ombra spesso si tiene un Diario dove annotare sogni, sincronicità, intuizioni…
Prova ad analizzare qualche sogno che hai fatto con i Tarocchi: chiediti chi incarna i personaggi del sogno, quali sono le ambientazioni o le forze in gioco. Poi vienimi a raccontare che cosa hai scoperto nei commenti!
E se ti interessa approfondire il discorso sul lavoro Ombra, il 18 Gennaio inizierà il laboratorio Sogni e Ombre, che conduco insieme a Francesca Matteoni: le iscrizioni sono aperte! Qui trovi il link dell’evento. Puoi iscriverti sulla bacheca oppure scrivendo alla mail cecilia.lattari@gmail.com
CHE COS’E’ IL LAVORO OMBRA CON I TAROCCHI?
Ti è piaciuto questo post? Condividilo!
Facebooktwitterpinterest
Se ti va, puoi trovarmi anche qui:
Facebooktwitterpinterestrssinstagram

4 pensieri su “CHE COS’E’ IL LAVORO OMBRA CON I TAROCCHI?

  • 21 dicembre 2016 alle 8:43
    Permalink

    Ciao Cecilia,
    sono molto interessanti i tuoi post anche se non so praticamente nulla di tarocchi. Mi piacerebbe saperne di più. Mi puoi suggerire una pubblicazione semplice, facile, per chi come me non ne sa nulla ma vorrebbe cominciare a capirne qualcosa?
    Per il momento ti mando i miei sinceri auguri di Buone Feste.
    Un bacio
    Francesca

    Rispondi
    • 21 dicembre 2016 alle 13:34
      Permalink

      Ciao Francesca,
      il libro migliore, secondo me, è “Seventy-eight degrees of wisdom” di rachel Pollack: purtroppo è solo in inglese; se conosci bene la lingua ti consiglio vivamente questo.
      In italiano trovi molti manuali con su spiegati i significati delle carte, ma io non amo molto quel genere di libro e quindinon ho titoli da consigliarti. Il lavoro che ha fatto Jodorowski sui Tarocchi l’ho letto e studiato, ma mi trova profondamente in disaccordo e non mi trovo per niente con il suo metodo – quindi, non ti consiglio nemmeno questo, almeno per la mia esperienza personale.

      Rispondi
  • 15 gennaio 2017 alle 9:56
    Permalink

    Ciao Cecilia mi piacerebbe molto partecipare a questo lavoro….Sono xò della provincia di Milano non lo fate da queste parti ?

    Rispondi
    • 15 gennaio 2017 alle 10:44
      Permalink

      Ciao Diana, stiamo pensando ad una versione online del corso, che uscirà nei prossimi mesi. Quindi potrai farlo anche se a distanza!

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *